The Next Stop


Il contesto

Le stazioni ferroviarie attuali sono spesso zone di crisi, in cui si trovano, estremizzate, alcune tendenze delle città contemporanee.

La stazione di Padova è uno spazio conteso, caratterizzato da un’elevata percentuale di cittadini stranieri e popolazione over 65. Gli abitanti storici lamentano di non vivere più nel quartiere che ricordano e vedono la diversità culturale come un limite. Allo stesso tempo molte aree abbandonate sono diventate sede di attività microcriminali, tossicodipendenza e prostituzione.

Un’area in crisi, in cui i luoghi diventano vuoti urbani, ma allo stesso tempo potenziali aree di cambiamento sociale e rigenerazione urbana.

Le attività

  • Attivare una rete di quartiere
  • Creare uno spazio di attivazione sociale e agricoltura urbana in piazza Gasparotto – creazione del Gasparorto
  • Percorso di Teatro Sociale e di Comunità in Corso del Popolo, Piazza de Gasperi e Via Foscolo
  • Workshop di teatro dedicato alle donne e all’intercultura e realizzazione di spettacoli itineranti negli spazi pubblici e nei mezzi pubblici del quartiere
  • Ciclo permanente di eventi culturali, laboratori e workshop artistici nel boulevard della stazione e in Piazza Mazzini
  • Organizzazione di incontri tematici sulla rigenerazione urbana

Il progetto

Le stazioni ferroviarie attuali sono spesso zone di crisi, in cui si trovano, estremizzate, alcune tendenze delle città contemporanee.

La stazione di Padova è uno spazio conteso, caratterizzato da un’elevata percentuale di cittadini stranieri e popolazione over 65. Gli abitanti storici lamentano di non vivere più nel quartiere che ricordano e vedono la diversità culturale come un limite. Allo stesso tempo molte aree abbandonate sono diventate sede di attività microcriminali, tossicodipendenza e prostituzione.

Un’area in crisi, in cui i luoghi diventano vuoti urbani, ma allo stesso tempo potenziali aree di cambiamento sociale e rigenerazione urbana.

Partner istituzionali